Home mobilità Da Venezia alle Alpi. Ripartito il servizio trenobicibus per scoprire il Veneto...

Da Venezia alle Alpi. Ripartito il servizio trenobicibus per scoprire il Veneto in sella

2018
trenobicibus

Ripartito all’inizio di luglio, resterà operativo anche quest’anno anno fino a ottobre: e dal 2024 i treni con 74 posti bici inizieranno a circolare da marzo, proprio per venire incontro a un turismo che ha nella destagionalizzazione un punto di forza. Parliamo del servizio trenobicibus tra Venezia e Calalzo di Cadore, comune alpino in provincia di Belluno, che accoglie viaggiatori in bicicletta e alimenta quella virtuosa economia che il cicloturismo sta offrendo ad albergatori e non solo. Non si tratta peraltro di una tratta isolata: in una delle fermate del treno – Ponte nelle Alpi – i cicloturisti possono scendere e usufruire del servizio Dolomitibus (attivo dal 2015 e dotato di carrello) per dirigersi verso Nevegal, Val di Zoldo, Cortina d’Ampezzo e Alleghe.

Come ha ricordato la stampa locale i treni che da Venezia portano fino a Calalzo di Cadore partono dalla stazione Santa Lucia e fermano a Venezia Mestre, Mogliano Veneto, Treviso Centrale, Conegliano, Soffratta, Vittorio Veneto, Santa Croce del Lago, Alpago, Ponte nelle Alpi, Longarone Zoldo e Perarolo di Cadore. Presente all’incontro pubblico che ha rilanciato il servizio bike friendly c’era anche la vicepresidente del Veneto Elisa De Berti. «Abbiamo allo studio nuove opportunità – ha detto -. Anzitutto da Feltre, non appena conclusa l’elettrificazione».

Il progetto trenobicibus, supportato dalla Regione Veneto, è in collaborazione con Trenitalia, che ha messo a disposizione i convogli Minuetto lungo la tratta Venezia-Calalzo. Anche una delegazione di soci e socie FIAB ha preso parte all’evento, ribadendo l’importanza di questi servizi anche in un’ottica di attrazione del cicloturismo europeo. In Veneto sono 6.200 i posti bici complessivi che Trenitalia offre sulle tratte e che vengono utilizzati per raggiungere le piste e le ciclovie presenti sul territorio. Di recente, sempre in Veneto (a Verona), è stato lanciato un nuovo importante servizio di intermodalità bici+treno con 900 posti bici al giorno a disposizione ogni giorno lungo la tratta che collega Bologna al Brennero, passando da Verona.