Home mobilità ambiente Gobee bike lascia l’Italia e l’Europa: troppi furti e vandalismi

Gobee bike lascia l’Italia e l’Europa: troppi furti e vandalismi

871

È durata pochi mesi l’avventura europea di Gobee bike, società di free floating con sede a Hong Kong, sbarcata con il suo servizio a Firenze, Roma, Torino e in altre città europee.

Con una mail inviata ai propri utenti, ieri, Gobee bike, ha annunciato il suo ritiro a causa «del vandalismo contro le proprie flotte di biciclette, che ha reso economicamente insostenibile la prosecuzione delle attività». Un ritiro che riguarda il nostro Paese ma anche altre città come Lille, Reims e Bruxelles dove le biciclette verdi avevano provato a ritagliarsi una fetta di mercato.

«Mediamente il 60% della nostra flotta europea ha subito danneggiamenti, vandalismi o è stato oggetto di fenomeni di privatizzazione. Per questi motivi non c’è stata nessun’altra opzione se non procedere al termine del servizio a livello nazionale e continentale. Una decisione sofferta dal punto di vista morale, umano e finanziario» hanno scritto i responsabili ai 45mila utenti assicurando il rimborso dei crediti ancora attivi.

Quella della startup asiatica – nata nell’aprile 2017 – non sembra però una ritirata definitiva. Dopo aver ringraziato «i Comuni che hanno riposto fiducia nel progetto» la mail assicura che «Questo non è un addio, ma un arrivederci».