Home mobilità città Nuova mobilità: Londra inventa le Quietway, dove si pedala nel silenzio

Nuova mobilità: Londra inventa le Quietway, dove si pedala nel silenzio

499
La prima Cycle Quietway riservata a ciclisti e pedoni di Londra collega Waterloo a Greenwich.

Offrono di tutto, tranne il silenzio: contro il caos delle grandi città c’è chi si tappa le orecchie con le cuffiette della musica e chi magari rinuncia alla bicicletta perché il rumore significa traffico e minor sicurezza. Insonorizzare dunque una ciclabile? Perché no. Così Londra ha da poco inaugurato la prima Cycle Quietway riservata a pedoni e ciclisti, lontana da qualsiasi concerto di marmitte.

Corre da Greenwich fino a Waterloo il primo tratto della Cycle Quietway londinese, 9 chilometri di tracciato lontano dalle strade più trafficate, su cui regna soltanto il dolce rumore dei passi e delle biciclette. Eredità della precedente amministrazione di Boris Johnson, il progetto, ora sulla scrivania del neo sindaco di Londra Sadiq Kahn, prevede una spesa complessiva di quasi 150 milioni di euro per la realizzazione di altre sei Quietways lungo corsi d’acqua, viali alberati e parchi.

In cabina di regia, l’agenzia del trasporto pubblico Transport for London stima che l’arteria delle ciclopedonali tranquille sulla capitale verrà completata entro la primavera prossima. Nell’intenzione dei suoi ideatori, le Cycle Quietways, un neologismo che già di suo si intona al tracciato, guardano proprio ai nuovi ciclisti e ai nuovi pedoni, quelli che, finora, di pedalare e camminare in mezzo al traffico di Londra manco a sentirne.

Gli attraversamenti pedonali, i marciapiedi più larghi e la segnaletica bike friendly della prima Cycle Quietway di Londra valgono come una scelta di campo da parte dell’amministrazione. Quella che anche a Parigi sta facendo la prima cittadina Anne Hidalgo col progetto di una città meno comoda agli automobilisti e più a misura di pedoni e ciclisti.