Home storie persone World Bycicle Relief: in 15 anni donate 500mila bici nei Paesi in...

World Bycicle Relief: in 15 anni donate 500mila bici nei Paesi in via di sviluppo

480
World Bycicle Relief
La consegna della 500millesima bicicletta donata da World Bycicle Relief.

L’associazione no profit World Bycicle Relief (WBR) ha donato, complessivamente, dalla sua fondazione (2005), oltre 500mila biciclette a uomini e donne residenti nei Paesi del Terzo mondo: dall’Asia all’Africa, all’America Latina. 

L’associazione che ha sede a Chicago ha raggiunto questo significativo traguardo a febbraio nel quadro della distribuzione di 102 biciclette agli studenti della Bar Union Secondary School, nelle zone rurali del Kenya.

La quindicenne Damela Achieng Owuor che l’ha ricevuta vive a cinque chilometri da scuola dove si recava a piedi. Ora non arriverà più in ritardo, e potrà risparmiare tempora dedicare allo studio e alle faccende domestiche. La bici diventa dunque anche un importante strumento di emancipazione e di libertà per tante ragazze e donne che ancora vivono in situazione di discriminazione.

Come parte del programma educativo dell’associazione, gli studenti come Damela e i loro genitori stipulano un accordo per confermare l’uso della bicicletta principalmente per compiere il tragitto casa-scuola. Un elemento chiave dell’accordo è che gli studenti diventano proprietari della bicicletta solo una volta diplomati con successo.

World Bycicle Relief, formazione meccanici

World Bicycle Relief distribuisce biciclette robuste e di lunga durata e anche a chi si occupa di servizi sanitari e ai piccoli imprenditori. Grazie a questo medici e infermieri sono in grado di visitare più pazienti e al giorno. Soprattutto in quelle aree lontane dal presidio che si potevano raggiungere soltanto in macchina o dopo lunghe camminate. Bici utili anche agli agricoltori che possono così portare al mercato i loro prodotti prima che marciscano.

 World Bycicle ReliefInoltre, WBR ha addestrato oltre 2300 meccanici per garantire manutenzione e sviluppare occupazione sul territorio. Ciò garantisce che i programmi siano sostenibili e abbiano un impatto a lungo termine.

Anche in Italia alcune associazioni hanno avviato programmi di sostegno alla mobilità ciclistica nei Paesi in via di sviluppo: un altro esempio virtuoso si chiama Baiskeli, ed è stato lanciato dalla Ciclofficina Sociale di Cusano Milanino. Il crowfunding lanciato ha permesso di acquistare e donare diverse biciclette agli abitanti di alcune zone molto isolate della Tanzania.