Home mobilità città Al referendum di Parigi l’89% dei votanti dice stop ai monopattini a...

Al referendum di Parigi l’89% dei votanti dice stop ai monopattini a noleggio

962

L’89% dei votanti ha espresso la propria contrarietà alla presenza dei monopattini a noleggio nelle strade di Parigi. Al referendum, tenutosi domenica 2 aprile, ha partecipato una ristretta minoranza degli ammessi al voto (il 7,8%, pari a poco più di 103mila residenti). Ora le tre aziende che in totale gestiscono 15mila e-scooter nella capitale francese hanno tempo fino a settembre 2023 per sgomberare le strade dai mezzi. Si tratta di una scelta drastica in una delle città europee che ha fatto più parlare di sè per le politiche bike friendly attuate in due mandati dalla sindaca Anne Hidalgo.

A volere il referendum era stata la stessa prima cittadina di Parigi che, nonostante sia a favore della città a 15 minuti, negli ultimi tempi aveva criticato i monopattini per questioni di sicurezza stradale. Il referendum per mantenere o bandire i monopattini elettrici a noleggio – il referendum riguarda soltanto questi, non quelli privati – era atteso da mesi. Da parte loro, le aziende interessante dal ban appena votato – sono Dott, Lime e Tier – si sono difese sostenendo che il settore a Parigi fosse già tra i più regolati a livello internazionale.

Come accade in Italia da anni, dove i monopattini vengono spesso presi di mira, anche in Francia il dibattito sugli e-scooter ha diviso l’opinione pubblica. Chi è a favore del loro utilizzo – soprattutto i pendolari – ha denunciato il ridotto numero di seggi, l’impossibilità del voto elettronico, l’esclusione dei non residenti di Parigi al voto e la coincidenza della giornata del referendum con la Maratona di Parigi, tenutasi lo scorso week end. Non sono bastate le corse gratis della domenica offerte dai gestori del noleggio per spingere le persone alle urne.

Anche in Francia i monopattini hanno contribuito a ridisegnare gli spazi urbani. Nel 2022, secondo i dati del ministero dei Trasporti, sono stati 700mila i mezzi della micromobilità acquistati. Parte di questi continueranno a circolare a Parigi, ma occorrerà dare presto un’alternativa alle migliaia di pendolari che finora hanno utilizzato i monopattini a noleggio. Nel 2021 si sono calcolate 27mila corse al giorno.