Home mobilità ambiente Bike to work: con Coop Alleanza 3.0 si muove il mondo delle...

Bike to work: con Coop Alleanza 3.0 si muove il mondo delle imprese

864

Partirà nei prossimi mesi il primo esempio di bike to work finanziato direttamente da un’azienda. Il nome, significativo, è quello di Coop Alleanza 3.0, la più grande cooperativa di consumo italiana (2 milioni 700 mila soci, 5 miliardi di fatturato e 22 mila dipendenti). Ha presentato il 21 marzo un bando rivolto ai propri dipendenti, In bici alla Coop, per selezionare 250 nomi che riceveranno per ogni chilometro percorso tra casa e lavoro 0,30 euro di contributo (fino a un massimo di 6 euro giorno, pari a una distanza di 20 chilometri, e 60 mensili).

Per questo primo ciclo di bike to work – che avrà la durata di sei mesi – Coop Alleanza 3.0 doterà anche i partecipanti di un kit composto da zainetto, borraccia, fascetta catarifrangente e luci a led. Lo strumento per il calcolo del tragitto sarà la app Vivibici: convenienza doppia quindi per tutti i dipendenti che hanno scelto come operatore Coop Voce e che con Vivibici potranno convertire i chilometri sui pedali in minuti e traffico internet gratuiti.

L’iniziativa rientra in un più ampio sistema di welfare aziendale sviluppato da Coop Alleanza 3.0 per promuovere salute e benessere dei dipendenti,

Ricordiamo che, nel Collegato Ambientale alla Legge di Stabilità approvata lo scorso dicembre, tra i fondi stanziati dal Governo per la ciclabilità una fetta è destinata a incentivare buone pratiche di bike to work.