Home viaggio mete Scappare dal caldo su otto piste ciclabili in Italia e in Europa

Scappare dal caldo su otto piste ciclabili in Italia e in Europa

1130
caldo
Rallarvegen, in Norvegia

Pedalare per scappare dal caldo. In Europa il termometro ha raggiunto il record in molte capitali. E non è andata meglio negli Stati Uniti: a New York si è boccheggiato più che a Nuova Delhi (fonte New York Times). Così ci siamo chiesti dove e quali sono le ciclabili più “fresche”, sia per latitudine sia per caratteristiche perché tante gallerie, molte discese e una rete punti di ristoro uno dopo l’altro possono comunque giovare al cicloturista.

Su al nord

Partiamo dalla Norvegia per presentarvi Rallarvegen, la ciclabile che collega Haugastøl a Flåm. Aperta ai ciclisti nel 1974, la strada fu originariamente costruita per il trasporto del materiale necessario alla realizzazione della ferrovia tra Oslo e Bergen. Ogni anno 25mila cicloturisti percorrono questo tragitto lungo 82 chilometri, inserito tra le mete storiche e paesaggistiche.

Rallarvegen è una delle ciclabili più famose della Norvegia

Gallerie 

Monsal trail è uno dei migliori esempi di riqualificazione delle vecchie ferrovie. In Inghilterra, dentro il Peak District National Park a sud-est di Manchester, questo percorso di 13 chilometri collega Blackweel Mill a Blackweel. Sono sei le gallerie, quasi tutte lunghe fino a 400 metri, che rinfrescano i cicloturisti.

caldo
Il Monsal Trail, in Inghilterra, offre ai cicloturisti sei gallerie

E ancora gallerie

Ma è forse in Friuli Venezia Giulia la ciclovia che meglio di tutte può definirsi esempio da manuale per riadattamento di un vecchio sedime ferroviario. L’Alpe Adria, da Tarvisio fino a Venzone, combatte il caldo grazie a decine di gallerie che, anche nelle giornata più calde, fanno quasi venire i brividi sfrecciando in bicicletta.

In discesa

Vero che in Italia si soffoca un pò ovunque, ma 500 metri di dislivello a proprio favore sono un manna contro il caldo. La pista che da San Candido, in Alto Adige, scende fino a Lienz, in Austria, è meglio nota come la ciclabile della Drava. Ideale anche per le famiglie, il percorso è servito da un treno – con vagone bici – che può riportare i cicloturisti al punto di partenza.

Family friendly, è la ciclabile della Drava

Sul Baltico

Di nuovo al nord, il Gota Canal è una delle principali destinazioni bike friendly in Svezia, dove questi 190 chilometri di percorso attraversano il paese dal lago Vanern fino a Mem, vicino al Mar Baltico. Un comprensorio nazionale per ciclisti e appassionati di sport all’aria aperta.

I 190 chilometri del Gota Canal, in Svezia, sono anche ciclovia

Islanda

Se oltre che scappare dal caldo siete in cerca di un’avventura un pò più impegnativa, vi portiamo in Islanda lungo la Ring Road. Più di mille chilometri di strada che abbraccia l’intera isola. Per darvi un’idea dei panorami e della frescura vi proponiamo il videoblog pubblicato dal viaggiatore Gabriele Saluci.

Nelle miniere

In Slovenia l’esperienza più singolare che potreste fare in bicicletta è pedalare sotto terra. Tra Peca e Uršlja Gora, in Carinzia, è dove i cicloturisti possono percorrere alcuni tratti delle miniere in sella lungo viaggio che dura più di due ore.

caldo
In Slovenia è possibile pedalare nelle miniere

Tanto caldo, ma i bar son di più

Non è esattamente la meta più fresca di tutte. Ma la ciclabile del Danubio, nella sua parte austriaca tra Passau e Vienna, offre punti di ristoro a non finire tra una sponda e l’altra del fiume, ideali per lunghe soste all’ombra.

Lunga la ciclovia del Danubio la Wachau è una valle nota per la produzione di vino e succo di albicocca