Home storie cultura Cinema e bicicletta: 10 film da non perdere tra thriller, biografie e...

Cinema e bicicletta: 10 film da non perdere tra thriller, biografie e cartoon

1002

C’è la mitica scena di ET, quando le biciclette prendono il volo. Le celeberrime gare di Fantozzi. L’inseguimento nei Ladri di biciclette. In sella sono finiti persino don Camillo e Peppone,  Totò, don Matteo. Di recente sono diventate una specie di icona le pedalate sulle vecchie Saltafoss di Stranger Things, serie cult di Netflix. Le scene di film in cui la bicicletta è coprotagonista ce ne sono a bizzeffe: ma ci sono film in cui le due ruote sono davvero protagoniste? In cui la bicicletta non è solo un oggetto ma in qualche modo è il centro della storia? Sì, che si tratti di cartoni o film dedicati a personaggi sportivi, di storie vere o romanzate, la bicicletta ha ispirato e registi, sceneggiatori e produttori. E continuerà a farlo. Ecco 10 film sulla bicicletta da non perdere.

SENZA FRENI Amate le bici a scatto fisso? Amate New Yotk City? Allora dovete vedere questo vero cult per gli amanti di questo genere di biciclette in cui Wilee, il protagonista (Joseph Gordon Levitt), sfreccia sulla sua fixed per le vie della Grande Mela, sfidando i pericoli del traffico, e non solo.

QUICKSILVER- SOLDI SENZA FATICA A proposito di bike messenger, ecco un film del 1986, con Kevin Bacon, dove si racconta la storia di Jack Casey, broker di successo che, per un investimento rischioso, perde tutto, si ritira dagli affari e inizia a lavorare come postino in bicicletta a Wall Strett. Qui conosce Voodoo, un collega che ha deciso di fare soldi facile per fare consegne per un malvivente.

THE PROGRAM La vita di Lance Armstrong dai successi sportivi, alla lotta al cancro, fino alla ‘caduta’ e all’ammissione dell’utilizzo di sostanze dopanti. Uscito nelle sale nel 2015 e si basa sul libro Seven Deadly Sins: my pursuit of Lance Armstrong, scritto dal giornalista David Walsh.

ALL AMERICAN BOYS Facciamo un salto indietro nel tempo fino al 1979, anno in cui uscì questa pellicola ambientata nella cittadina di Bloomington, in Indiana, in cui quattro giovani amici neodiplomati passano le loro giornate in sella a una bicicletta. Episodio chiave quello in cui il protagonista, durante una gara viene spinto fuori tracciato dai rivali della squadra italiana di ciclismo Cinzano.

APPUNTAMENTO A BELLEVILLE Un cartone. Sì, nella nostra lista c’è spazio anche per un cartone animato, una produzione franco-belga-canadese, presentato nel 2003 al Festival di Cannes. Il protagonista Champion, che da piccolo riceve in regalo un triciclo, si appassiona così tanto alle due ruote da riuscire a partecipare al Tour de France. Durante la gara però viene rapito…

LA BICICLETTA VERDE Pellicola presentata al Festival del Cinema di Venezia nel 2012 con la regia di Haifaa Al-Mansour, racconta la storia avvincente di una bambina saudita, Wadjda, 10 anni, che vive in un sobborgo di Riad, e fa di tutto per riuscire ad acquistare una bicicletta per giocare insieme al suo migliore amico.La bicicletta come simbolo di libertà e di emancipazione.

ONE MILE ABOVE Da vedere. Non solo per la storia che racconta ma per i paesaggi che mostra. Ispirato a una novella dello scrittore taiwanese Xie Wanglin, racconta il viaggio di Zhang Shuhao che, dopo la morte del fratello, decide di pedalare da Lijiang fino a Lhasa, in Tibet.

THE FLYING SCOTSMAN Una storia vera quella di Graham Obree, campione scozzese di ciclismo che nel 1993 conquistò il record dell’ora con un’avveniristica bicicletta costruita da lui anche con pezzi di una lavatrice. Uscito nel 2006, vede in scena anche big del cinema internazionale come Brian Cox, Ben Affleck e Laura Fraser.

RIDE A vederlo in molti potrebbero dubitare che si tratta di una produzione italiana. Invece è proprio così: uscito nelle sale nel 2018, porta la firma di Jacopo Rondinelli e racconta la vicenda di Kyle e Max, due rider acrobatici e praticanti di sport estremi, che ricevono da una organizzazione segreta la proposta di partecipare a una gara di downhill in un luogo imprecisato e con in palio 250mila dollari.

BOY AND BICYCLE Ridley Scott lo conosciamo per titoli di successo come Alien, Blade Runner o il pluripremiato Il gladiatore. Nel 1965 però l’allora ventottenne regista era studente al londinese Royal College of Art, e girò un corto di 27 minuti in bianco e nero, in 16 mm. La pellicola fu commissionata dal British Film Institute. Un cimelio per veri intenditori.