Home storie persone Addio alla Città dei Bambini? Casalmaggiore, un’occasione mancata

Addio alla Città dei Bambini? Casalmaggiore, un’occasione mancata

910
Casalmaggiore

«Io non volevo fare soltanto una manifestazione. Con la Città dei Bambini volevo che Casalmaggiore cambiasse, dimostrando alla politica che la gente vuole stare in strada, vivere le vie; che i bambini vogliono andare in bicicletta. E che un bel progetto può vincere bandi per realizzare le infrastrutture bike friendly necessarie». Gian Carlo Simoni è stato l’ideatore di un’iniziativa che, dal 2016, ha portato una felice marea di bambini a pedalare nella Bassa Padana, in provincia di Cremona. In quattro edizioni oltre 3mila alunni hanno partecipato a pedalate ed eventi e tante scuole hanno animato le social street, strade chiuse al traffico per pochi giorni l’anno. Ma ora l’esperienza che BC aveva raccontato ormai quattro anni fa rischia di terminare.

«Forse a Casalmaggiore la Città dei Bambini continuerà con altri», ci ha spiegato Simoni, a poche settimane dal suo addio a una manifestazione che, da subito, aveva convinto politici come Paolo Gandolfi, presente all’inaugurazione della Tangenziale dei Bambini nella primavera del 2016. «Quella è stata la prima cosa che abbiamo fatto – ha aggiunto – sfruttando parte dell’argine lungo il Po per realizzare uno stradello in ghiaia che portasse gli alunni alla scuola Marconi, evitando strade trafficate e pericolose». Oggi ancora esiste quella piccola grande opera, usata da bimbi e genitori.

La Tangenziale dei bambini a Casalmaggiore corre lungo l’argine maestro.

Premiata Città dei Bambini 

Ma allora, abbiamo chiesto a Simoni, perché abbandonare un’esperienza simile? «Negli anni abbiamo ricevuto tanti premi: la Commissione Europea ci ha inserito tra le migliori pratiche per la Settimana Europea della Mobilità; poi il riconoscimento dell’ISPRA e il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e del Ministero dei Trasporti. Insomma, tante cose che però non hanno convinto l’amministrazione e la politica locale di Casalmaggiore». Le zone 30 e le strade scolastiche non sono state fatte, così il cambiamento di abitudini non è avvenuto.

«Non si può più andare avanti a palliativi: servono misure coraggiose come le strade scolastiche per impedire alle auto di avvicinarsi agli istituti; serve estendere le zone 30 e rendere continui i percorsi ciclabili». Vi abbiamo raccontato come sono i quartieri senz’auto, aree urbane dove il bike to school funziona e lo spazio pubblico è a disposizione di pedoni e ciclisti. «Per allevare i ciclisti urbani bisogna abituarli fin da piccoli – ha concluso Simoni – Ecco perché la Città dei Bambini non voleva esser soltanto un evento, ma un’occasione per cambiare radicalmente una città».