Home mobilità Google Maps, dove sono le ciclabili? La petizione per attivare Biking

Google Maps, dove sono le ciclabili? La petizione per attivare Biking

134
Google Maps

“Dateci le ciclabili sul navigatore!”. Si potrebbe riassumere così la petizione pubblicata su Change.org che chiede a Google di inserire, anche in Italia, le piste sulla sua stranota applicazione. Così da aiutare tutti i ciclisti che, non sapendo ad esempio dove si trova Corso Magenta a Milano, sono costretti ad affidarsi a un app che gli fa fare la stessa strada delle automobili. I firmatari sono più di 2mila, tutti convinti che una multinazionale come Google non possa proprio trascurare le esigenze del popolo in sella spesso costretto a imbottigliarsi su strade trafficate.Google Maps

Google Maps bike friendly. Non in Italia

La modalità “Biking” su Google Maps è già attiva in diversi Paesi, dove il gigante di Montain View (California) riserva una navigazione bike friendly per sfruttare tutte le piste ciclabili di una città. «È un peccato – si legge nella petizione che l’associazione Salvaciclisti Bologna ha pubblicato su Change.org – che nel paese del Giro d’Italia, dell’Eroica, di Bartali e di Moser non esista questo servizio così importante».

Google Maps

La richiesta di mandare online il servizio Biking su Google Maps arriva a pochi mesi da una novità che, ancora una volta, non riguarda l’Italia. Da quest’estate infatti il più grande motore di ricerca del mondo ha reso visibili in più di venti città (da San Francisco fino a New Taipei City) le stazioni del bike sharing, informando tuttu gli utenti anche sulla quantità di biciclette a noleggio disponibili in quell’istante.

Ma come vi avevamo raccontato, prima di Google ci aveva già pensato Apple che lo scorso anno ha aggiornato le sue mappe sull’app Maps per far vedere dove si possono noleggiare le “bici del sindaco” in 175 città sparse in quasi 40 nazioni. In un’Italia dove la mobilità ciclistica cresce (seppur a rilento) non basterebbe comunque un’app bike friendly per cambiare il volto e l’aria delle nostre città.