Home mobilità città Londra, il bike sharing si fa cargo. Un esperimento in pieno centro

Londra, il bike sharing si fa cargo. Un esperimento in pieno centro

615
cargo bike londra sharing

Non sono numeri paragonabili a quelli del bike sharing, uno dei primi in Europa. Ma con le sue otto biciclette a disposizione il Cargo Bike Share di Londra è un progetto che potrebbe fare da apripista per altre capitali europee, dove la mobilità ciclistica e la micromobilità vanno mano a mano diffondendosi. Si tratta di bici cargo a noleggio, in grado di trasportare fino a 80 kg, prelevabili in alcuni punti di Hackney, nel centro di Londra, dalle parti di Victoria Park.

Al costo di 1,50 sterline si sblocca il mezzo e il noleggio costa 10 penny al minuto. A differenza di altri sistemi di bike sharing non è possibile lasciare la cargo bike in un’altra stazione: bisogna fare ritorno al punto di partenza. I mezzi sono a pedalata assistita e ciascuna stazione ne ospita due. L’iniziativa è stata avviata nel settembre 2021 e rientra nel cosiddetto Zero Emissions Network, progetto finanziato dal comune di Londra. In questo la capitale britannica condivide una strategia con la Parigi guidata da Anne Hidalgo: l’obiettivo è ridurre il numero di automobili. Sadiq Khan, primo cittadino della capitale britannica, ha spiegato che il traffico motorizzato dovrà diminuire di almeno il 27%.

La Londra ciclabile è anche figlia del progetto che l’allora sindaco Boris Johnson aveva realizzato per la città. Ce ne eravamo occupati in questo pezzo, spiegando come il bike sharing e le super highway ciclabili siano frutto della sua amministrazione. Ma che ruolo avranno le cargo nella transizione ecologica? «Per le consegne dell’ultimo miglio o per i viaggi brevi, le e-cargo bike sono di gran lunga il modo migliore e spesso il più efficiente in termini di tempo per spostare oggetti grandi o pesanti. Sostituendo i furgoni, una rete di e-cargo bike ha il potenziale per trasformare le aree locali rendendole più sicure e più piacevoli da vivere e lavorare». Queste sono le parole di Philip Ellis, a capo di Beryl, l’azienda che si occupa di questo progetto pilota.