Home mobilità Riva del Garda, la seconda vita delle biciclette con il progetto Good...

Riva del Garda, la seconda vita delle biciclette con il progetto Good Bike

3863
riva del garda bici usate

In un paio d’anni di attività sono state recuperate una cinquantina di biciclette, tirate a lucido per i ciclisti che possono utilizzarle nei momenti di necessità. Siamo a Riva del Garda, nella Provincia autonoma di Trento, dove l’associazione Casa Mia, nell’ambito del progetto “Io ci sono”, ha destinato questi mezzi ai volontari e al personale dei vari centri dell’Apsp, l’azienda pubblica dei servizi alla persona. In parte frutto di donazioni e in parte ritirata dalla Polizia municipale tra le due ruote che non sono state reclamate dai legittimi proprietari dopo un furto, la flotta è un bel messaggio di economia circolare al servizio del territorio.

Come ha spiegato Benedetta Zucchelli, referente di Casa Mia, l’obiettivo di questa iniziativa è quello di «sensibilizzare i ragazzi al recupero degli oggetti ancora funzionanti, favorire un clima di cooperazione, conoscere realtà sociali del territorio, stimolare la capacità di osservazione e risolvere problemi». Queste biciclette sono dunque a disposizione soltanto del personale e dei volontari delle strutture presenti a Riva del Garda. In alcuni casi, però, certe biciclette sono state donate a progetti che hanno altrettanto (se non di più) bisogno di un mezzo di trasporto (ad esempio in Africa o in altri paesi dove la mobilità dolce non sempre è un diritto).

Sono davvero tante le storie di biciclette condannate alla ruggine e all’abbandono, riscattate grazie all’impegno di aziende o associazioni. Vi abbiamo raccontato la storia di Quierounabici, portale spagnolo dove è possibile dare una seconda possibilità a mezzi abbandonati in Olanda (ebbene sì, anche nel paradiso a due ruote abbandonano le bici). Quelle di Riva del Garda si potrebbero intendere come bici aziendali, le stesse che tante realtà stanno mettendo a disposizione dei propri dipendenti (come il Politecnico di Milano). Poi c’è chi fa le cose in grande: e realizza addirittura piste ciclabili per raggiungere direttamente la scrivania.