Home mobilità città Bici a Parigi: incentivi all’e-bike, nuove piste e nuovi parcheggi

Bici a Parigi: incentivi all’e-bike, nuove piste e nuovi parcheggi

551
Bici a Parigi
Muoversi in bicicletta a Parigi diventerà sempre più sicuro grazie alle politiche di mobilità della sindaco Anne Hidalgo.

Bici a Parigi, un futuro radioso. La sindaca Anne Hidalgo, in un’intervista a Le Journal Du Dimanche ha ribadito la sua volontà di fare della città un modello per il ciclismo urbano.

Entro la fine dell’anno, annuncia la mairie, saranno completate e aperte diverse piste ciclabili nelle principali arterie cittadine. Sébastopol sarà completata a luglio, Faubourg-Saint-Antoine sarà pronta ad agosto, la Rue de Rivoli entro settembre, mentre gli Champs-Elysees entro il termine del 2019.

Bici a Parigi: il bike sharing.
Anne Hidalgo in versione bike sharing.

Entro la fine del 2020 le bici a Parigi dovrebbero avere 1000 chilometri di piste ciclabili, con un aumento del 50% nel corso del mandato della Hidlago. Le piste non saranno solo marcate a terra, ma affiancate anche da altre infrastrutture di sicurezza per separarle dal traffico automobilistico. Parigi avrà anche 17mila parcheggi per biciclette di superficie entro la fine del prossimo anno.

Contributi ai privati per 10 milioni di euro

Bici a Parigi, incentivi
Forti incentivi a chi acquista un’e-bike.

Un impegno che si traduce anche in interventi concreti di sostegno e di incentivo a chi sceglie la bici come mezzo di trasporto. Aumentano infatti a 10 milioni di euro i contributi per i ciclisti parigini. Saranno di 400 euro gli incentivi – che diventeranno 1200 euro per i professionisti – per l’acquisto di una e-bike.

Anne Hidalgo ha un obiettivo chiaro: rendere Parigi “una capitale del ciclismo mondiale” insidiando primati consolidati come quelli delle grandi città del nord Europa. Perfettamente in linea con una complessiva politica della mobilità cittadina che penalizza il mezzo privato. “La nostra è stata una progressione costante. Tra il 2015 e il 2019 siamo passati dal 17 °all’8° posto nella classifica mondiale delle città bike friendly”, afferma. Il traffico delle bici è aumentato del 34%, con i viaggi giornalieri compiuti pedalando arrivati a toccare quota 225 mila.

Una delle principali conquiste della città in fatto di mobilità sostenibile, è quella della domeniche senz’auto, che ha permesso un abbattimento del traffico del 5% in un anno.