Home mobilità città BikeUP, a Bergamo torna il festival della mobilità elettrica leggera

BikeUP, a Bergamo torna il festival della mobilità elettrica leggera

500

Da venerdì 22 a domenica 24 ottobre, a Bergamo, è in programma la settimana edizione di BikeUP, appuntamento dedicato alle due ruote a pedalata assistita e alla mobilità dolce in generale. Il programma è stato cucito addosso proprio a chi desidera trovare (e ritrovare) il piacere di muoversi in sella. La manifestazione si terrà nel pieno centro storico e occuperà Piazza Matteotti, Piazza Vittorio Veneto e il Sentierone. Come ogni anno saranno presenti molti brand del settore e-bike e verranno presentati i modelli della stagione 2022, con la possibilità di  testarne alcuni. Tutti i dettagli sul programma sono disponibili sul sito ufficiale.

«Per tre giorni Bergamo diventa capitale della pedalata assistita, grazie a una manifestazione che negli anni ha saputo avvicinare molte persone alle e-bike e al cicloturismo – ha dichiarato l’Assessore alla mobilità Stefano Zenoni -. Il Comune di Bergamo collabora anche quest’anno al successo della manifestazione, rispettando le proprie linee di mandato di sostegno alla ciclabilità urbana e alla mobilità sostenibile».

La nuova edizione di BikeUP darà ampio spazio anche alle cargo bike elettriche, ideali per la logistica dell’ultimo chilometro e mezzi decisivi per cambiare il volto delle città; non mancheranno poi le attività per i bambini con le balance bike; Alessandro Vanotti, ex ciclista professionista e compagno di squadra di Vincenzo Nibali, sarà infine a disposizione per pedalare insieme ai partecipanti con e-bike road o con una delle e-bike test degli espositori.

«Il territorio bergamasco – sintetizza il co-fondatore di BikeUP, Stefano Forbici – è storicamente legato al mondo della bicicletta e la città ha particolarmente a cuore il tema della mobilità sostenibile. Nel 2019, la sinergia con l’Amministrazione Comunale è stata preziosa, grazie alla condivisione di valori e obiettivi; sul rispetto dell’ambiente, quale risorsa di vitale importanza per tutti; sulla creazione di progetti virtuosi che coinvolgano le case produttrici di bici e accessori».