Home mobilità Coronavirus, a New York i ciclisti non chiudono. Sono attività essenziali

Coronavirus, a New York i ciclisti non chiudono. Sono attività essenziali

1781
New York

Il governatore dello Stato di New York, Andrew Cuomo, ha deciso. I ciclisti e i negozi di biciclette rientrano tra le attività essenziali e quindi resteranno aperti durante le prossime settimane. Anche negli USA l’emergenza coronavirus costringe la politica a limitare numerose attività commerciali per fermare il contagio del Covid 19. Oltreoceano, pochi giorni fa, il Presidente Donald Trump ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale: ad oggi gli Stati Uniti sono il terzo paese al mondo per numero di contagi dopo Cina e Italia.

New York, boom del bike sharing

In origine la misura dello Stato di New York non comprendeva ciclisti e negozi di bici tra le attività essenziali. Al contrario, da subito i meccanici per auto sono stati compresi tra i soggetti autorizzati a continuare a lavorare. A favore di chi usa la bicicletta si è schierato anche il sindaco di New York, Bill de Blasio. Il sindaco ha appoggiato l’idea dei ciclisti come negozi da tenere aperti per far fronte agli spostamenti necessari di alcune categorie di lavoratori.

In queste settimane la Grande Mela ha assistito a un vero boom dell’utilizzo del bike sharing cittadino. A spingerlo è stata la fuga dai mezzi pubblici di molte persone per paura del contagio e degli assembramenti. L’esigenza di mantenere aperti i ciclisti viene anche dal settore della logistica e del food delivery. A New York si muove in bicicletta e, in questo momento delicato, evita a molte persone di uscire a fare la spesa.

Proprio in merito ai negozi di bicicletta, la Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta ha inviato al Governo una comunicazione in cui appoggia un appello di ANCMA. L’appello chiede di far rientrare queste attività tra quelle essenziali, ovvero quelle elencate dall’ultimo decreto di Palazzo Chigi. Nel rispetto dei presidi sanitari che intimano di restare a casa il più possibile, le ciclofficine e i ciclisti restano fondamentali tanto quanto i meccanici per chi in questo difficile periodo non può smettere di lavorare.