Home mobilità città Coronavirus e bicicletta: a New York è boom di ciclisti (solitari)

Coronavirus e bicicletta: a New York è boom di ciclisti (solitari)

628
coronavirus e bicicletta

Se ne è occupato perfino il New York Times: nella Grande Mela paura del coronavirus e bicicletta vanno sempre più in parallelo e cresce il numero cittadini che si indirizza verso la mobilità ciclistica. Il servizio urbano di bike sharing ha registrato un +67% di utilizzi nelle prime settimane del mese: tra il primo e l’11 marzo quasi 518mila noleggi per Citi Bike (nello stesso periodo del 2019 erano stati 310mila). L’emergenza pandemia, che ha colpito anche gli Stati Uniti dove il presidente Trump ha dichiarato lo stato d’emergenza nazionale, ha visto mezzi pubblici sempre meno frequentati per la paura del contagio.

Coronavirus e bicicletta, più ciclisti anche a Chicagocoronavirus e bicicletta

Coranavirus e bicicletta sotto osservazione pure a Chicago, dove i noleggi del bike sharing sono raddoppiati in queste prime settimane di marzo (da 40mila a 80mila). Ma la situazione non si è replicata in altre città USA: a Seattle, una delle città più colpite dal Covid 19, il rispetto dei presidi sanitari e l’isolamento della popolazione stanno svuotando la città; lo stesso a San Francisco, dove sempre meno persone si spostano anche grazie allo smart working concesso dalle aziende.

La sicurezza dei cittadini viene prima di tutto e la campagna italiana #iorestoacasa diventa un modello per sempre più paesi alle prese con la pandemia. L’augurio è che, tra le nuove abitudini adottate forzatamente in questi giorni, quella della mobilità sostenibile come alternativa salutare possa crescere anche dopo la fine dell’emergenza.

Il periodo che tantissimi italiani ed europei stanno vivendo a casa può essere comunque un’occasione per leggere, documentarsi e viaggiare con la mente verso le prossime mete da raggiungere in bicicletta. BC ha selezionato cinque libri ideali per la quarantena in corso, tutti a tema bike friendly, veri e propri diari di viaggi scritti da ogni angolo del pianeta. Ottimi spunti per tornare alla normalità con nuovi propositi e obiettivi quando l’emergenza sarà rientrata.