Home mobilità ambiente E-cargo pubbliche a noleggio: la nuova scommessa di Parigi

E-cargo pubbliche a noleggio: la nuova scommessa di Parigi

1331
e-cargo
Le tre nuove e-cargo bike pubbliche che i parigini potranno noleggiare fino a tre mesi.

E-cargo a noleggio a 40 euro al mese, per un massimo di tre mesi. Dall’inizio dell’anno tutti gli abitanti della regione di Parigi potranno contare su questi nuovi mezzi messi a disposizione da Véligo, la rete pubblica di bici a pedalata assistita lanciata nel 2019. Diecimila e-bike per un grande successo (più di 20mila abbonamenti in un anno) che ha convinto i vertici della società a investire ancora di più. La bici elettrica nella capitale francese è molto più di una scommessa vinta, è un tassello fondamentale su cui costruire una città diversa.

E-cargo in tre versioni

Le Triporteur, Le Biporteur, Le Rallongé sono le tre e-cargo pensate e realizzate non per usi commerciali. Sono rivolte a famiglie o singoli cittadini “per trasportare bambini e ragazzi, la spesa, le valigie, o mobili di piccole dimensioni”. In altre parole si propongono come una vera e propria alternativa all’uso quotidiano dell’auto nella dimensione cittadina. Integrando in questo modo il crescente numero e-cargo bike sulle quali si muovono nell’ultimo miglio gli spedizionieri.

Obiettivo finale: avvicinare i parigini alle e-cargo, perché valutino quanto e come possano andare incontro alle loro esigenze, superando quale che possono essere le iniziali titubanze. Il costo del noleggio comprende assicurazione, manutenzione e riparazione della bicicletta in caso di guasto.

Una città sempre più bike-friendly

Per il momento sono 500 i mezzi a disposizione ma se la risposta sarà soddisfacente il numero di veicoli sarà aumentato.

Véligo è andato affiancandosi al bike sharing vero e proprio, che a  Parigi  è particolarmente efficiente. Velìb’ può infatti contare su un parco di 20mila biciclette, il 30% delle quali elettriche e una rete di stazioni diffusa su tutto il territorio e potenziata nelle zone di interscambio con i mezzi o in quelle che attirano il maggior numero di visitatori. Una situazione d’eccellenza che fa della capitale francese, anche per l’impegno della sindaco Annie Hidalgo, una delle più rilevanti realtà di città bike friendly.