Hannover, ciclabile cancellata dal giudice. E il Comune la salva togliendo i posti auto

    841
    hannover giudice ciclabile

    Ha dell’emblematico la storia che arriva da Hannover, in Germania: una pista ciclabile cancellata dal giudice, e la coraggiosa contromossa del Comune. Inizia nel 2019, con la causa intentata da un residente contro la pista ciclabile presente sulla Kleefelder Straße. Su questa strada la pista era stata inaugurata nel 2013 secondo quando si legge online. Il giudice gli ha dato ragione. Motivazioni della sentenza: lungo una ciclabile è possibile per legge che si possa pedalare fianco a fianco e questo ha comportato un certo fastidio per gli automobilisti che dovevano pazientare. Basta guardare la via su Google Maps per rendersi conto che sarebbe folle tentare un sorpasso su una vietta simile. Per di più sul lato destro ci sono sempre state un sacco di auto parcheggiate. In buona sostanza il giudice ha detto che la pista ciclabile non aveva senso di esistere dal momento che non dava alcun tipo di vantaggio ai ciclisti.

    A quel punto il Comune, che è tra quelli impegnati in tutta Europa per redistribuire lo spazio pubblico, ha deciso di seguire una strada insolita. Non ha fatto ricorso: ha semplicemente deciso di togliere tutti i parcheggi auto lungo la Kleefelder Straße, liberando così un sacco di spazio a vantaggio di pedoni e ciclisti. Ristabilendo di fatto la pista. Un sentenza che avrebbe portato a una ciclabile cancellata, ha così finito invece col sottrarre parcheggi auto. Il dibattito locale si è ovviamente diviso tra sostenitori e critici. «Chiunque voti i Verdi deve convivere con la dittatura dei Verdi», ha dichiarato un rappresentante dell’FDP locale. D’altra parte è arrivato il plauso dalle associazioni bike friendly. Anche in Germania, lo ricordiamo, si è registrata negli ultimi anni una certa opposizione alle ciclabili.

    Dalla stampa tedesca apprendiamo che la scelta non è stata fatta per penalizzare gli automobilisti, ma per garantire che il progetto bike friendly della città non venisse danneggiato. Sarà comunque possibile la sosta veloce per i furgoncini di carico/scarico e ovviamente i permessi di parcheggio per disabilità saranno garantiti. Per gli altri automobilisti, invece, sarà necessario percorrere i 600 metri che li separa dal parcheggio più vicino. La città della Bassa Sassonia è convinta della scelta fatta, al punto che entro l’estate ha intenzione di replicare modelli simili su altre piste.