Home storie persone Lesswalk regala 10mila bici del free floating per il bike to school...

Lesswalk regala 10mila bici del free floating per il bike to school in Myanmar

437
Lesswalk
L'imprenditore Mike Than Tun Win ha fondato una non-profit per favorire il bike to school

L’organizzazione non-profit Lesswalk fissa l’obiettivo nel nome. Così l’ha pensato l’imprenditore Mike Than Tun Win che ha comprato 10mila biciclette inutilizzate dai giganti del free floating cinese per donarle agli studenti del Myanmar, spesso costretti a camminare anche un’ora fino a scuola vista l’assenza di mezzi pubblici nelle aree rurali. Fenomeno della mobilità urbana negli ultimi anni, il noleggio a flusso libero ha facilitato sì gli spostamenti, ma anche creato problemi ad amministrazioni e gestori. Perfino Pechino aveva messo un freno alle biciclette a flusso libero.

LesswalkIn Cina non è nuova l’idea di recuperare le due ruote del free floating per destinarle ai bambini. Prima di donarle agli studenti di Myanmar, Lesswalk ha tolto il blocco/sblocco con QR code e montato un nuovo sellino a tutte le 10mila biciclette acquistate. Per ciascuna l’operazione ha avuto un costo pari a poco più di 35 euro. «In Myanmar è comune vedere code di studenti che camminano a lungo per arrivare fino a scuola – ha detto Mike Than Tun Win – Lo scuolabus nelle zone rurali è quasi sconosciuto».

Metà dei fondi a disposizione dell’organizzazione non-profit Lesswalk viene da donazioni e sponsor di quest’iniziativa sociale. Ma l’operazione è soltanto all’inizio: l’imprenditore vuole sincerarsi che le migliaia di biciclette riconvertite per il bike to school vadano prima di tutto a chi ne ha davvero bisogno. Come gli studenti tra i 13 e i 16 anni che in Myanmar camminano anche più di 2 km ogni giorno perché le famiglie non hanno soldi abbastanza per dar loro un’alternativa.

Lesswalk

LESSWALK: “VOGLIAMO ESSERE D’ISPIRAZIONE”

In un’intervista a TechCrunch il fondatore di Lesswalk ha spiegato l’altro obiettivo della sua non-profit: ispirare altre iniziative simili per dare una nuova vita alle tante bici del free floating che in tutto il mondo, se inutilizzate o malgestite, diventano nel migliore dei casi a ingombrante spazzatura.