Home mobilità ambiente Ztl Palermo salva: il Tar boccia il ricorso, via alla nuova mobilità

Ztl Palermo salva: il Tar boccia il ricorso, via alla nuova mobilità

479
Ztl Palermo

La Ztl di Palermo è salva. Il Tar ha giudicato infatti inammissibile il ricorso presentato nel 2016 da un centinaio di cittadini sostenuti dalla Concommercio. Sembrerebbe in sé una notizia di portata locale, se non assumesse il valore simbolico di una battaglia vinta nel nome di una città diversa e più vivibile.

Ztl Palermo, una vittoria non solo locale

Il ricorso era stato presentato da un centinaio di cittadini sostenuti dalla Confcommercio che evidentemente ancora non ha realizzato quanto le zone a traffico limitato giovino al commercio di prossimità. La bocciatura del Tar forse va letta nel quadro di una più generale bocciatura di una visione delle città e della mobilità. I ricorrenti sono stati inoltre condannati al pagamento di 12 mila euro di spese processuali che verrano equamente suddivise tra Comune, concessionaria dei trasporti Amat, Legambiente.

Quello del Tribunale amministrativo regionale siciliano è una giudizio che arriva in un momento particolarmente favorevole: l’esperienza del lockdown ha portato in molti, anche a Palermo, a rivedere e a valutare positivamente il cambio di abitudini imposto dalla pandemia, spingendo il governo a varare il bonus mobilità.

Grande la soddisfazione espressa dagli amministratori che vedono chiudersi una vicenda durata anni e di cui la giunta guidata da Leoluca Orlando aveva fatto uno dei suoi provvedimenti più simbolici e programmatici tra proteste e attacchi politici.

Ztl Palermo
Leoluca Orlando (a destra) presenta il bike sharing

“Una bocciatura che smonta pezzo per pezzo anni di montature e fandonie pseudo giuridiche, insulti e attacchi politici di chi ha combattuto con ogni mezzo contro la mobilità sostenibile – ha commentato il sindaco – Una sentenza che non può che aprire le porte alla ripresa di un dibattito perché la Ztl, insieme alle pedonalizzazione al potenziamento del trasporto pubblico, sia asse portante della vivibilità a Palermo nei prossimi anni come condiviso dalla maggioranza del Consiglio comunale e, ci auguriamo, anche daI cittadini tutti che hanno a cuore lo sviluppo della nostra città”.