Home storie persone Bike Bistrò: a Treviso l’Ex Pagnossin cambia pelle e torna a vivere

Bike Bistrò: a Treviso l’Ex Pagnossin cambia pelle e torna a vivere

569
Ex Pagnossin

Prende forma il progetto annunciato a Treviso: trasformare i 100mila metri quadrati dell’Ex Pagnossin, in passato una delle eccellenze del territorio per la produzione di ceramica, in un polo bike friendly pieno di servizi e attività alle porte della città veneta. Pochi giorni fa è stato infatti inaugurato il Bike Bistrò, lanciato da Alchèmia Fitobottega in uno spazio riqualificato che, nonostante il periodo difficile, dà un segnale di speranza.

Questo hub bike friendly si trova lungo una delle direttrici delle rete cicloturistica regionale, ovvero la ciclabile Treviso-Ostiglia. Un tracciato che ha restituito nuova vita a una ferrovia dismessa – cosa che fortunatamente accade sempre più spesso sia in Italia che nel resto del mondo, come dimostra anche la recente mappatura curata da Fiab. Da qui i collegamenti sono diversi: in bicicletta ci si può infatti raccordare al Cammino di Sant’Antonio di Padova, alla ciclabile Monaco-Venezia e anche alla ciclabile Greenway del Sile.

La storia che arriva da Treviso e dall’Ex Pagnossin porta anche con sè una conferma: le ciclofficine sono tra le attività a cui più si fa ricorso quando si riqualificano spazi urbani abbandonati da restituire alla comunità. Era già successo a Terni, ma anche in altre città dove la bicicletta e il lavoro attorno alle due ruote offrono l’occasione per fare aggregazione e dare una nuova opportunità a soggetti deboli ed emarginati.

In attesa di capire quando si potrà tornare a pedalare tra le regioni in sicurezza – FIAB intanto si è già espressa per fare chiarezza con un parere legale – i servizi all’Ex Pagnossin si preparano ad accogliere i tanti ciclisti e cicloturisti che torneranno a popolare le ciclovie in Veneto. Qui non troveranno soltanto il Bike Bistrò, ma anche un’area che dal 2016 ha avviato un percorso di riqualificazione urbana attorno alla Piazza delle Eccellenze dedicata al turismo lento, al cibo e a quanto di meglio il territorio ha da offrire.