Home mobilità Bikes4Ukraine, anche a Milano si raccolgono bici da donare

Bikes4Ukraine, anche a Milano si raccolgono bici da donare

2382
donare biciclette ucraina
Una mamma e suo figlio in bici a Borodyanka, a nord ovest di Kiev

Si chiama Bikes4Ukraine ed è un’organizzazione non profit danese nata sulla base di un’urgenza: donare più biciclette possibili alla popolazione ucraina, messa a dura prova dopo l’invasione russa del febbraio 2022. Per i cittadini e cittadine rimasti nel paese dell’est Europa la vita è diventata sempre più difficile e i continui attacchi da parte dell’esercito di Putin hanno colpito infrastrutture e vie di comunicazione. Donare biciclette è un gesto semplice ma prezioso per esprimere solidarietà concreta, fornendo a chi resiste un mezzo in più per non rimanere isolati, lavorare e continuare a vivere.

«I fondi raccolti – si legge sul sito di Bikes4Ukraine – sono destinati direttamente al trasporto delle biciclette, alle spese amministrative e ai costi di viaggio per andare in Ucraina a consegnare le biciclette». Dare una seconda vita alle biciclette non è soltanto una buona azione in paesi che vivono un tempo di pace. In Danimarca le cifre fornite dalla non profit informano che sono 400mila le due ruote rottamate ogni anno. Da qui lo sforzo di Bikes4Ukraine di destinare più mezzi possibili alla popolazione invasa, là dove servono di più.

Nel frattempo Bikes4Ukraine è arrivata anche in Italia. Il week end scorso (15/16 aprile) diverse associazioni e ciclofficine milanesi si sono messe d’accordo e, con il patrocinio del Comune, hanno deciso di avviare la raccolta di biciclette da donare all’Ucraina (qui trovate informazioni sui luoghi dove potrebbe essere ancora possibile mettersi d’accordo per regalare un mezzo).

Anche in nord Europa c’è il nodo delle bici usate che finiscono per fare la ruggine. Per questo sono nate iniziative per rimetterle in circolazione come Quierounabici.com, che dall’Olanda le trasferisce in Spagna. In Danimarca, subito dopo lo scoppio della guerra, migliaia di profughi erano scappati dal proprio paese per trovare riparo e una delle tante iniziative di solidarietà era stata proprio quella di donare biciclette a uomini, donne, bambini e famiglie.