Home mobilità Città ciclabili: Utrecht al top, italiane indietro nella classifica del Bicycle Cities...

Città ciclabili: Utrecht al top, italiane indietro nella classifica del Bicycle Cities Index 2019

887
A Utrecht la mobilità ciclistica è al 51%. Il valore più alto al mondo secondo la classifica di Coya

Cambiano le classifiche, ma l’Italia resta sempre indietro per quanto riguarda la ciclabilità. Tra le cento città più bike friendly al mondo Milano e Roma, le uniche tricolore, si sono posizionate rispettivamente 65esima e 70esima nel Bicycle Cities Index 2019, stilato dalla startup tedesca Coya attiva nell’ambito assicurativo. Sotto la Madonnina la mobilità ciclistica copre il 6% degli spostamenti totali, nella Capitale solo l’1%. La graduatoria ha tenuto in considerazione 16 fattori – dal numero di furti agli investimenti bike friendly – che riguardano sicurezza, infrastrutture e servizi sharing, producendo per ciascuna città un punteggio finale.

La città migliore secondo il Bicycle Cities Index 2019 è Utrecht, dove più di uno spostamento su due (51%) viene fatto in sella e la qualità di investimenti e infrastrutture è stata valutata con un punteggio di 98,87 su 100. Non è un caso se la città olandese ospita il parcheggio bici più grande al mondo e sperimenta anche la tecnologia per facilitare gli spostamenti in sella. È tedesca la seconda classificata, Munster, premiata anche in virtù del 39,9% degli spostamenti di tutti i giorni fatti in bicicletta. Completa il podio Anversa, che si è posizionata prima al mondo per quanto riguarda i servizi di bike sharing.

Guardando in generale alla classifica delle città più ciclabili al mondo, nella top 10 Coya ha inserito Copenaghen (quarta) e Amsterdam (quinta),  tallonate dalla neozelandese Auckland (in foto a fianco) e dalla cinese Hangzhou, rispettivamente settima e ottava. Delle principali capitali europee fanno meglio Berlino (20esima), Parigi (32esima) e Vienna (34esima).

Tra i fattori considerati dalla startup Coya per giudicare cento città in tutto il mondo compare anche il meteo, il nemico (immaginario?) di molte persone che rinunciano alla bicicletta per freddo e pioggia. L’importante è vestirsi bene, come vi abbiamo spiegato. Dati alla mano, il Bicycle Cities Index 2019 sbugiarda ancora una volta l’idea che basse temperature e maltempo frenino la mobilità ciclistica: le città dove si pedala di più sono nel centro e nord Europa.