Home mobilità E-bike truccata? In Francia se ti beccano sono 30mila euro di multa

E-bike truccata? In Francia se ti beccano sono 30mila euro di multa

350
motorino

Non è chiaro se Oltralpe il fenomeno dell’e-bike truccata sia davvero incontrollato. Ma di fronte alla crescita della mobilità elettrica, il governo francese ha scelto il pugno duro contro chiunque sblocchi il motorino della bicicletta elettrica per aumentarne la velocità. Il divieto vale per tutti, dai proprietari del mezzo ai rivenditori fino alle aziende. I 25 km/h per le e-bike da città e i 45 km/h per le speed pedalec sono i tetti massimi di velocità per chi vuole sfruttare la comodità della pedalata assistita. Chi contravviene rischia fino a 30mila euro di multa o un anno di carcere.

La misura draconiana adottata dal governo francese non si limita a questo. Prevede infatti la possibilità del ritiro della patente fino a tre anni per chiunque sblocchi il motorino elettrico di una pedalata assistita. Come ricorda il sito Bike Europe, il caso d’Oltralpe è il primo in cui la politica mette le mani nei controlli in modo così deciso. Finora le uniche ad agire contro l’e-bike truccata erano stato le aziende: dall’estate scorsa Bosch, per esempio, ha installato sui propri dispositivi un sistema anti-sblocco in modo da garantire la sicurezza.

I sequestri del Milleproroghe

La scelta di non fare sconti ha interessato anche l’Italia per quel che riguarda la micromobilità. Nel decreto Milleproroghe, approvato poche settimane fa dal Parlamento, non si parla di e-bike truccata: ma è previsto il sequestro di tutti i monopattini elettrici non a norma. Tutto questo attivismo legislativo, d’altra parte, spiega forse anche il successo di nuovi modelli di trasporto, meno inquinanti e più convenienti per ambiente e portafoglio.

In Belgio il mercato dell’e-bike ha superato per la prima volta quello delle biciclette tradizionali: nel 2019 il 51% dei mezzi venduti sono stati a pedalata assistita. Anche in Francia il fenomeno due ruote sta crescendo. Nella capitale gli incentivi per l’acquisto di e-bike e la realizzazione di nuove piste sta modificando il tessuto urbano di Parigi.