Home mobilità In Francia, entro il 2023, parcheggi bici coperti in più di mille...

In Francia, entro il 2023, parcheggi bici coperti in più di mille stazioni

540
Francia

Entro il primo gennaio del 2024 centinaia e centinaia di stazioni ferroviarie dovranno dotarsi di 76mila nuovi parcheggi complessivi riservati alle biciclette. Così impone la nuova legge approvata in Francia e che interesserà per l’esattezza 1133 delle stazioni d’Oltralpe più trafficate (ovvero con almeno 100mila viaggiatori che vi transitano ogni anno). Si va da un minimo di 10 a un massimo di mille stalli da realizzare entro i prossimi anni e, stando alla Loi d’orientation des mobilités – questo il nome del decreto appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale – il nuovo obbligo dovrà essere rispettato dalla SNCF (Société Nationale des Chemins de fer Français) e dalla RATP (Régie autonome des transports parisiens).

Come si legge su Maire.info, oltre 400 delle stazioni individuate in Francia non hanno ancora spazio a sufficienza per aprire i cantieri e installare nuovi parcheggi bici coperti. Se si guarda alla mappa disponibile online, è evidente quanto questa misura andrà ad interessare non soltanto i grandi centri urbani come Parigi, Marsiglia, Lione e Strasburgo, ma anche quelle stazioni di periferia, dove un parcheggio bici sicuro può invogliare le persone ad abbandonare l’auto.

I nuovi parcheggi non potranno essere semplici rastrelliere nelle vicinanze dei binari. Stando infatti alla Loi d’orientation des mobilités dovranno essere coperti e illuminati e a non meno di 70 metri dalla stazione. In Francia non è la prima volta che una legge impone la realizzazione di parcheggi bici coperti: nel 2016, infatti, una norma ne aveva previsto l’obbligo all’interno degli edifici pubblici e commerciali.

Come in Francia anche nella vicina Germania la politica e la società ferroviaria si erano mosse per mettere in programma la costruzione di 100mila parcheggi bici nelle stazioni per incentivare l’intermodalità bici+treno. Nel frattempo il dibattito su quest’ultima soluzione green nei trasporti ha visto anche l’UE impegnata con la proposta di introdurre l’obbligo di 8 posti bici a bordo di tutti i nuovi convogli.