Home mobilità città Auto sulla ciclabile? Ad Austin se chiami i vigili “guadagni” il 25%...

Auto sulla ciclabile? Ad Austin se chiami i vigili “guadagni” il 25% della multa

708

Le automobili parcheggiate sulle ciclabili non riguardano purtroppo soltanto Austin, negli Stati Uniti. Nella capitale del Texas hanno però deciso di darci un taglio proponendo il cosiddetto “bike lane bounty“: nel momento in cui un ciclista o un cittadino nota un mezzo in sosta su una pista, può utilizzare l’app del 311 per caricare una foto dell’infrazione. A quel punto, se scatta la multa, chi ha aiutato i vigili a riportare un po’ di ordine nel traffico guadagna il 25% della sanzione inflitta.

Qualcosa di simile era già stato visto a New York, ma riguardava i camion che, anche se parcheggiati, tenevano il motore acceso (dunque inquinando) senza alcun motivo. Il modello è stato replicato ad Austin per far in modo gli automobilisti la smettano di trattare le ciclabili come aree di sosta gratuita. «Le città spende milioni di dollari per realizzare queste infrastrutture, che sono puntualmente bloccate», ha detto Mario Champion, presidente della Urban Transportation Commission di Austin dove la sua proposta è stata approvata all’unanimità. Servono ancora altri passaggi e voti prima che la novità entri in vigore.

Oltre a permettere ai cittadini di denunciare un comportamento scorretto da parte degli automobilisti, la proposta di Champion aggiorna le norme cittadine, secondo le quali al momento è (clamorosamente) permesso parcheggiare sulle ciclabili se non c’è un cartello di divieto. Come si legge sulla stampa locale, l’idea di coinvolgere i cittadini per migliorare il senso civico generale è già applicata ad Austin per quanto riguarda sempre le automobili parcheggiate là dove non dovrebbero.

Sulla stampa si legge sempre che l’iniziativa texana non è isolata dal momento che sempre più città negli Stati Uniti stanno adottando misure per dare importanza e centralità alla mobilità ciclistica. Dal cicloturismo alla tutela dei rider che consegnano il cibo a New York, il dibattito sta crescendo. In Italia ricordiamo un flash mob che, a Piacenza, aveva realizzato un cordone di bici per tenere le auto lontane da un liceo.