Home Mercato La e-cargo frigo che fa consegne a Londra

La e-cargo frigo che fa consegne a Londra

532
frigo

L’azienda Electric Assisted Vehicles (EAV) ha realizzato una bici cargo elettrica con frigo a bordo per mantenere il cibo refrigerato fino a -18 gradi. I primi esemplari dell’EAVcool Cargo – questo il nome del modello –  sono entrati in circolazione pochi giorni fa a Londra, dove i ciclofattorini hanno iniziato a fare consegne su questo quadriciclo protetto da un tettuccio. Per risolvere il problema del traffico urbano e togliere mezzi dalle strade, la logistica sta puntando sempre di più sulla mobilità sostenibile. L’azienda ha parlato di una novità assoluta per il settore della food delivery, ma a una cella frigorifera bike friendly avevano già pensato gli ideatori della Kleuster Freegone Frigoline.

Un frigo mobile da 120 kg.

Londra incentiva già la possibilità di avere cargo bike nella flotta aziendale: l’ente del trasporto pubblico Transport for London ha messo a disposizione fino a 600 sterline per l’acquisto di biciclette pensate per il trasporto merci. Quella prodotta da EAV può contenere nella cella frigo posteriore fino a 120 kg di prodotti da consegnare a ristoranti o ai consumatori. Come molte altre e-bike in circolazione anche questa cargo raggiunge la velocità massima di 25 km/h.

«EAVcool Cargo può spostarsi più velocemente di un furgone tradizionale», ha detto Adam Barmby, direttore tecnico di EAV il cui obiettivo è quello di proporre una flotta che renda più efficienti le consegne soprattutto in centro città, dove lo spazio è poco. Un’iniziativa simile a quella di Londra era stata sperimentata già a Berlino da Zalando: grazie a una cargo bike le consegne dell’ultimo miglio sono state fatte in bicicletta.

Ma le cargo bike non funzionano soltanto all’estero: anche in Italia, da Milano a Firenze, la logistica bike friendly si fa sempre più strada in città. Ma quando si parla di consegna del cibo, che sia in cargo con frigo o su mezzi meno tecnologici, non si può mettere da parte la sicurezza (e i diritti) dei ciclofattorini: a Torino la CGIL ha da poco aperto la prima ciclofficina per rider.