Home mobilità ambiente Aumentano gli spostamenti in bici e a piedi, ma troppi ancora quelli...

Aumentano gli spostamenti in bici e a piedi, ma troppi ancora quelli in auto

474
In aumento gli spostamenti a piedi o in bici
In Italia gli spostamenti in bici e a piedi sono cresciuti in due anni dell'8,6%. Aumenta, anche se di poco, l'intermodalità.

Aumentano gli spostamenti in bici e a piedi: tra il 2015 e il 2017 sono stati 6,9 milioni, in crescita di circa l’8,6%.

A certificarlo è stato il Presidente dell’Autorità di regolazione dei trasporti (Art), Andrea Camanzi, nel sua relazione annuale al Parlamento.

Se gli spostamenti in bici e a piedi mostrano un dato positivo, l’auto privata continua a farla da padrona. In Italia la utilizzano nel 57% dei casi (pari a 20,7 milioni). Solo il 21% degli italiani (7,6 milioni) usa il trasporto pubblico locale urbano ed extraurbano, via strada e via ferrovia.

“Questioni come la riduzione del livello di inquinamento, della sostenibilità dei prezzi e la qualità di infrastrutture e servizi, nelle zone urbane come nelle campagne, sono al centro della preoccupazione quotidiana delle persone” ha affermato durante l’audizione Camanzi.

Per quanto riguarda le autostrade, tra il 2013 e il 2017 aumentano sia il numero dei veicoli leggeri medi, passato da 28.598 a 30.751 (+7,5%) sia quello dei veicoli pesanti, salito da 8.329 a 9.114 (+9,4%).

Segno positivo, nel 2017, anche per il settore del trasporto ferroviario, che registra un incremento nel settore dei servizi soggetti ad obblighi di servizio pubblico (pari a 29,8 miliardi di passeggeri/km), che sono aumentati del 3% nel periodo 2014-2017.

Bene la mobilità condivisa

Segnali incoraggianti anche per la sharing mobility. Cresce mediamente del 17% all’anno, passando, tra il 2015 e il 2017, da poco più di 260 a 357 servizi complessivi. Stando al Rapporto, il 28% degli italiani (18,1 milioni) nel 2017 ne ha usufruito almeno una volta. Questo anche a un ampliamento dell’offerta di mezzi di trasporto diversi e a politiche della mobilità che scoraggiano l’auto privata.

Crescono anche i veicoli a zero emissioni passati tra il 2015 e il 2017 dai 620 unità nel 2015 a 2.200 nel 2017. Gli spostamenti intermodali raddoppiano in dieci anni, ma rimangono ancora bassi (4-5% nel 2017).