Home mobilità RegalaStaBici! L’asta benefica con Giovanni Storti per World Bicycle Relief

RegalaStaBici! L’asta benefica con Giovanni Storti per World Bicycle Relief

1573
Giovanni Storti

Che gli piacessero le biciclette non era una novità. Il comico milanese Giovanni Storti è già stato testimonial dell’AIDA, l’Alta Italia Da Attraversare, la ciclovia disegnata da FIAB che corre da Susa fino a Trieste. Domenica 13 dicembre sempre lui ha ricoperto il ruolo di battitore d’asta di “RegalaStaBici!”, organizzata dalla sezione italiana del World Bicycle Relief, organizzazione non profit che da anni dona e distribuisce biciclette nei paesi del terzo mondo. Da marzo ad agosto, 2.365 biciclette “di emergenza” sono state assemblate e consegnate a medici e operatori sanitari in Kenya, Zimbabwe, Zambia, Malawi e Colombia.

Il 13 dicembre Giovanni Storti è stato battitore d’asta insieme a Paola Piacentini e Giorgia Battocchio. All’asta non sono state battute soltanto biciclette, ma anche telai e accessori donati dai produttori. Stando a quando si legge sulla pagina del fund raising «bastano 134 euro per “adottare” una bicicletta e destinarla, attraverso World Bicycle Relief, a chi ne ha bisogno in Africa». Su BC più volte abbiamo raccontato storie in cui la bicicletta rappresenta occasione di riscatto e di autonomia: è successo in Finlandia come in Myanmar.

Giovanni StortiL’obiettivo della raccolta fondi punta a 10mila euro – già ne sono stati donati oltre 4mila – e l’appuntamento del 13 dicembre è servito ad accelerare il moto di solidarietà con tanti piccoli grandi gesti che possono fare la differenza nei paesi in via di sviluppo.

I numeri del World Bicycle Relief sono eloquenti: in 15 anni di attività in Africa l’organizzazione ha donato mezzo milione di mezzi. Oltre ad essere strumento di libertà, la bicicletta può anche salvare la vita: l’utilizzo delle cosiddette bici ambulanze è in crescita nelle zone più remote del mondo, dove è difficile accedere con i veicoli del pronto soccorso. Nello Zambia il progetto pilota “MamaZ Against Malaria” permette di guadagnare ore di tempo negli spostamenti da casa all’ospedale.