Home mobilità città Un altro e-bike sharing per Roma: dopo Jump ecco Greta

Un altro e-bike sharing per Roma: dopo Jump ecco Greta

41
Greta
Helbiz ha inaugurato a Roma il suo servizio di noleggio. Il modello della bici è dedicato a Greta Thunberg

Nell’ultimo mese sembra che Roma si stia davvero impegnando a proporre soluzioni di mobilità meno inquinante. Dopo l’arrivo di Uber, che ha lanciato il bike sharing elettrico Jump, ecco un’altra azienda attiva sul tema sostenibilità. Non a caso, la nuova bicicletta a noleggio si chiama Greta, un esplicito omaggio a Greta Thunberg, l’icona svedese che in questi giorni sta rientrando in Europa veleggiando attraverso l’Oceano Atlantico.

L’azienda che ha portato il nuovo servizio di bici elettriche a noleggio è Helbiz, presente con diverse flotte tra New York, Madrid, Milano e Belgrado. Finora Roma avrà soltanto 100 Greta (le due ruote, si intende), ma secondo Il Messaggero, entro fine anno, gli iscritti all’e-bike sharing potranno contare su 2.500 mezzi a flusso libero.

Le biciclette elettriche Greta saranno a disposizione dei romani per tre anni, stando all’accordo tra l’azienda e il Comune. Secondo il sito di Helbiz queste due ruote riescono a raggiungere anche i 30 km/h (e questo potrebbe essere un problema visto che il limite di velocità è fissato a 25 km/h). Ma al di là di questo, è da apprezzare l’apertura della Capitale a nuove soluzioni di mobilità, soprattutto alla luce dei dati che indicano la Città Eterna come una delle realtà urbane più congestionate.

Ospitare un nuovo servizio di bike sharing in città è senz’altro un primo passo per invogliare i cittadini a cambiare abitudini. Sempre a Roma anche la politica si è mossa per favorire il bike to work: la Farnesina, sede del ministero degli Esteri, ha inaugurato uno spogliatoio con docce per i dipendenti, venendo incontro ai pendolari in bicicletta. Tutti aspetti che potrebbero essere considerati come positivi in un’ipotetica valutazione FIAB su Roma prossimo ComuneCiclabile. Non resta che aspettare il giorno in cui la giunta Raggi faccia domanda per ottenere i bike smile come le quasi 130 città che la Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta ha finora preso in esame.